Tuesday, 11 December 2012

101 Street Food: Tacos Radici e Fasioi

a few weeks ago i was kindly asked to enter a contest about street food and wine, organized by Quota 101, an awesome farm in Veneto. if you go to their home page you can easily see that i share one of my great passion with them: i'm talking about picnics. (oh, you're right: wine, too!) so, i simply had to say yes. the recipe i have to share for the contest must be written in italian, so i'm sorry but the words below will be written in my beloved mother tongue.

un paio di giorni fa ho scritto una piccola introduzione al tema street food, una riflessione che mi ha portato a scegliere le mia ricetta, in modo che avesse delle storie dietro, che non fosse solo inchiostro su un pezzo di carta. veloce, tipica, e street. cioè semplice da preparare, fatta con ingredienti tipici, che parlino di un luogo, delle sue facce e dei suoi sapori, e street perchè devi poterla mangiare dappertutto, in ogni occasione.. anche una cena improvvisata con le amiche o una sosta dopo una corsa in lambretta.
a me è piaciuto raccontarli così, questa ricetta e questo vino, il Malterreno.


radici e fasioi è uno dei piatti che più raccontano il luogo da cui provengo, parla di lunghi inverni, di cucina povera ma gustosa, di famiglie numerose, di dialetto veneto. usare ingredienti di stagione mi sembrava il minimo, e cosa può esserci di più stagionale che il fiore d'inverno, il radicchio rosso di Treviso?
le tortillas sono un grande classico dello street food, rimpinzate all'inverosimile e mangiate con le mani, piegate in tanti modi diversi: io le ho preparate con la farina di mais Biancoperla, un altro orgoglio del territorio. la salsa era di zucca e pancetta, leggermente piccante, in cui intingere il taco.
il Malterreno di Quota 101 è un bianco veneto IGT, per cui è andato felicemente a sposarsi con degli ingredienti della sua terra.

angelina e bobi (le avete già conosciute all'osteria senz'oste) sono venute da me per una seratina tra gossip e bicchieri di vino, cucinando insieme.
ecco la ricetta completa (le dosi sono approssimativamente per 3 persone):
tortillas
280 gr farina di mais biancorperla, 300 ml acqua, 2 pizzichi di sale, 1 cucchiaio olio d'oliva. sciogliere il sale nell'acqua tiepida. aggiungere l'acqua e l'olio alla farina. impastare bene, lasciar riposare per 15-20 min. tagliare due fogli di carta da forno (25x25), fare una pallina di impasto e schiacciarla tra i due con la mano, stendere col mattarello. scaldare una padella antiaderente (tipo crepiera). appoggiare i fogli sopra e toglierli uno alla volta. cuocere 2-3 min per ogni lato.
ripieno
radicchio rosso di treviso tardivo (700-800 gr), fagioli borlotti. cuocere il radicchio tagliato a pezzetti nel soffritto. salare e pepare. aggiungere i fagioli precedentemente cotti in una casseruola coperti da 3-4 dita d'acqua. 
salsa
soffriggere la cipolla, aggiungere la pancetta (6 fette di pancetta arrotolata, a pezzetti), sfumando con il Malterreno. aggiungere la zucca a tocchetti (mezza di quelle piccine), sale, pepe e peperoncino, cuocere aggiungendo brodo finchè la zucca si spappola bene. frullare tutto con il frullatore a immersione! 
n.b. i tacos vanno farciti e piegati quando le tortillas sono ancora calde.

abbiamo cucinato, mangiato e brindato con il Malterreno, che con il nome racconta la bellezza imperfetta delle colline in cui crescono le sue uve (tai/tocai e garganega). in una delle prime gite primaverili che faremo in lambretta speriamo di riuscire a spingerci fino a vederli, questi colli! è un vino morbido e delicatamente fruttato, bilanciava armoniosamente l'amarognolo del radicchio, e il piccantino della salsa lo esaltava. (ad ogni modo mi sono divertita più a creare situazioni ed esperienze dietro a questo abbinamento di ricetta + vino, che a lambiccarmi su proprietà organolettiche e schede tecniche.. dubito che i signori di Quota 101 me ne vorranno, dato che stando al loro manifesto, anche loro preferiscono far parlare storie e suggestioni ♥)

dopo giorni di pioggia e neve, il sole di domenica ha permesso una scampagnata dicembrina in sella alla lambretta, sulle collline della pedemontana. solo le ore appena prima e appena dopo pranzo sono abbastanza calde da permettere un bel giro, e i tacos appena fatti si sono mantenuti tiepidi. in questo caso, ho messo la salsa di zucca e pancetta direttamente dentro la tortilla. 

quando facciamo dei lambretta picnic solitamente io e marco non ci portiamo del vino (chi guida non deve bere!), ma una sua versione street e invernale che adoriamo è sicuramente il vin brulè
provate a scaldare il Malterreno con un cucchiaino di zucchero, dei pezzetti di mela e pera, un chiodo di garofano e una puntina di cannella! (e poi prendete la bici, i picnic sono fantastici anche così)







12 comments:

  1. wow! quei tacos devono essere davvero deliziosi! mi piace moltissimo il radicchio rosso - non l'ho mai provato con i fagioli pero' e sarei davvero curiosa di assaggiarli insieme! :-)
    che invidia vederti gustare un tacos all'aperto, seduta sulla tua lambretta - vorrei poter fare lo stesso senza prendere una congestione! :-P

    ReplyDelete
    Replies
    1. proprio oggi ho visto questo articolo sullo street food in finlandia! http://www.essentaste.com/food/helsinki-street-eats/

      comunque devo dire che domenica era veramente una bella giornata per essere dicembre.. neanche qui possiamo mangiare all'aperto tutti i giorni (purtroppo)!

      Delete
  2. those tacos look delicious & your mother tongue is beautiful (i'm still mad at my dad and grandmother that they never, ever tried to teach me italian, snif)
    but my favourite part of it all has to be that warm, delicious wine. sounds so tempting, even in the middle of summer :)

    happy happy new year!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. thank you toi ♥
      i have always envied bilingual children, too bad you haven't learned italian while growing up (but you still have time!)
      hot wine is definitely one of the winter's joys... i'll try to enjoy it for you, too!

      Delete
    2. it shouldn't be that hard for me to learn, speaking spanish and having learned french in highschool. they're all romance languages after all.
      that or i'd get super confused :p

      please, do enjoy it for me ;)

      Delete
  3. Your food looks amazing and I love the handwritten recipe and pictures. Happy New Year!

    ReplyDelete
    Replies
    1. thank you alexandria, happy new year to you, too! (and best wishes, again, for your good news!)

      in the end, i did not win the street food contest, but it was fun, and i'm glad you like it :)

      Delete
  4. Wow, beautiful! What a dream, to be on that moto, taco in hand, cute hat, glorious mountains!

    ReplyDelete
    Replies
    1. thank you liz, i'm glad you like my little world ♥

      actually i'm very fond of that hat.. it belonged to a japanese friend who gave it to me in tokyo, because she thought i look cute with it. but she wasn't the original owner herself! she had bought it in a flea market in belgium.. so it has a long long story, and travelled a lot, for being a simple wool white hat :)

      Delete
  5. Ciao, ti seguo da un po', anche se in silenzio. Il tuo blog mi piace moltissimo.
    Ti ho citato per il Sunshine Award, vedi un po' tu che farne, se farlo girare o dimenticartene.
    Giorgia
    http://colorsontheroad.wordpress.com/2013/01/04/i-premi-e-la-mia-pigrizia/

    ReplyDelete
    Replies
    1. cara giorgia, grazie mille!! sono contenta ti piaccia passare di qui ogni tanto.
      ho curiosato un po' tra le tue foto, carinissime le porte!
      belle anche le montagne, e ho intravisto anche i quaderni di zelda con la diana in copertina! ♥!

      Delete
  6. Ciao Silvia! Brava! Sembra buonissimo e poi ingredienti del territorio e tutta roba di stagione. Grazie della condivisione. Ci proverò anche io. Bellissima la foto delle montagne. Un saluto

    ReplyDelete

thank your for stopping by ♥
I am curious about your opinions! please, join the conversation.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...